- IL MAESTRO DEL G.B.F.P. -
ico_line.gif (1193 byte)

 

ADELIO SONN 1999 - ....

ADELIO SONNDal settembre 1999 a dirigere il Gruppo Bandistico Folk Pinetano è Adelio Sonn, diplomato in tromba e con diverse esperienze passate di direttore di banda. Il nuovo maestro, originario di Mezzocorona (Trento), ha saputo immediatamente entrare in sintonia con i giovani bandisti, e, dopo il debutto del 7 novembre a Baselga di Pinè in occasione della commemorazione dei caduti, si sono susseguiti una lunga serie di sfilate e concerti, tra cui il tradizionale e impegnativo concerto di Natale nella chiesa di Baselga la notte del 25 dicembre, l’udienza con il Papa Giovanni Paolo II in Vaticano nel 2006 e la trasferta in Olanda nel 2007. A lui da parte di tutto il Gruppo Bandistico Folk Pinetano va un caloroso ringraziamento per l'impegno ed il tempo che dedica a questa nostra Banda, affinchè ogni esibizione sia sempre un successo.

 

MAURO DALLAPICCOLA 1985 - 1999

mae_dall.jpg (5089 byte)Adelio Sonn è subentrato alla fine del 1999 al maestro uscente Mauro Dallapiccola, originario di Pinè, che ha diretto il Gruppo Bandistico Folk Pinetano ininterottamente per 14 anni, dall'autunno del 1985. Era la trasferta in Belgio e fu in quella bellissima occasione che Mauro Dallapiccola, prima bandista suonatore di flicorno tenore, assunse l'incarico di direttore musicale del Gruppo. Quattordici anni durante i quali il Gruppo è cresciuto molto e costantemente grazie soprattutto al suo Maestro, alla grinta, alla determinazione, all'entusiasmo, alla pazienza, alla preparazione, all'interesse per ogni genere musicale, alla simpatia di Mauro Dallapiccola. Una lunga e importante carriera la sua, durante la quale ha visto nascere e crescere quei musicisti che per hobby e per passione hanno voluto vestire con lui i colori dell'Altopiano.

 

LELE LAUTER 1972 - 1985

mae_laut.jpg (5846 byte)Il primo maestro del Gruppo Bandistico Folk Pinetano è stato Lele Lauter, di Trento, contattato dai soci fondatori del Gruppo nel lontano 1972. A lui va senz'altro il merito di essere riuscito in brevissimo tempo, partendo da una quarantina di ragazzi praticamente digiuni di musica, a mettere in piedi un complesso bandistico d'eccezione ed in aggiunta singolare, diverso dagli altri, dai soliti. Un Gruppo che col tempo è continuamente cresciuto e migliorato, ottenendo ovunque successi e grandi soddisfazioni. E di Lele Lauter, oltre ai ricordi dei primi insegnamenti, rimarranno per sempre sull'Altopiano gli echi delle sue straordinarie esibizioni da solista con la sua "Tromba d'Oro".

 

ico_line.gif (1193 byte)

INDIETRO

HOME PAGE

AVANTI